RESTO AL SUD - Solutions Agevolazioni

FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO

Solutions for Business





Logout
Title
Vai ai contenuti
                       
        Scheda bando:   

       Richiedi informazioni:
Scheda Bando: RESTO AL SUD
News: Resto al Sud anche per under 46 e professionisti
News:

08/01/2019 - La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto un’importante novità per Resto al Sud, l’incentivo finalizzato a sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno: l’agevolazione, finora riservata agli under 36, viene estesa agli under 46 e ai liberi professionisti
.Si amplia dunque la platea di destinatari delle agevolazioni, gestite da Invitalia, che offrono contributi per l’avvio di imprese in
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Possono accedere all’incentivo i liberi professionisti che, nei 12 mesi che precedono la richiesta di agevolazione,
non sono stati titolari di partita Iva
per un’attività analoga a quella proposta per il finanziamento e che mantengono la sede operativa nelle regioni interessate.
Beneficiari delle agevolazioni possono essere, ad esempio, i professionisti, ex dipendenti di uno studio, che vorranno aprirne uno proprio o chiunque voglia uscire da una situazione di precariato o lavoro irregolare. Più in generale - spiega Invitalia - si offre una possibilità a chi vuole investire sulle proprie competenze
ma ha difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro.

Invitalia ricorda che il finanziamento Resto al Sud copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in:

- un contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo;

- un finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

L’importo massimo del finanziamento erogabile è di 50mila euro per ciascun socio, fino ad un ammontare
massimo complessivo di 200mila euro.
Guarda la presentazione di INVITALIA del bando Resto al Sud:




                                              F.A.Q   


1.Chi può chiedere le agevolazioni?
Puoi chiedere le agevolazioni se alla data di presentazione della domanda:
        
  • hai un’età compresa tra 18 e 45 anni
  •     
  • sei residente in una di queste regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia. Puoi anche trasferire la residenza in una delle suddette regioni dopo aver presentato la domanda, entro massimo 60 giorni dall’eventuale esito positivo della valutazione (120 giorni se risiedi all’estero)
Inoltre:
        
  • non devi essere titolare di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017
  •     
  • non devi aver ricevuto negli ultimi tre anni altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità

2. Cosa vuol dire esattamente “tra 18 e 45 anni”?
Vuol dire che alla data di presentazione della domanda devi avere 18 anni già compiuti o 46 anni non ancora compiuti.

3. Cosa significa che non devo essere titolare di “attività d’impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017”?
Significa che:
        
  • nel caso di ditta individuale, non devi essere titolare di partita iva movimentata
  •     
  • nel caso di società, non devi essere rappresentante legale di società iscritte al registro delle imprese e attive
La titolarità di impresa viene valutata al 21 giugno 2017. Quindi non puoi presentare la domanda se risulti titolare di impresa in esercizio a quella data, anche se nel frattempo l’impresa è cessata o è stata ceduta.

4. Ho già un lavoro a tempo indeterminato: posso presentare la domanda?
Sì, ma dovrai lasciare il lavoro se la domanda viene approvata

5. Una società già esistente può presentare la domanda?
Sì, se è stata costituita dopo il 21 giugno 2017.

6. La scelta della forma societaria può essere vincolante per l’ammissione alle agevolazioni?
No, non è vincolante, fermo restando quanto previsto dalla Circolare attuativa n. 000033 del 22/12/2017 al punto 3.3.

7. La ripartizione delle quote societarie può essere vincolante per l’ammissione alle agevolazioni?
No, non è vincolante, fermo restando quanto previsto dalla Circolare attuativa n. 000033 del 22/12/2017.

8. Cosa succede se possiedo i requisiti richiesti (età, residenza, ecc.) ma i miei soci no?
Puoi comunque presentare la domanda, ma a questa condizione: i soci che non rispettano i requisiti non devono superare 1/3 della compagine sociale e non devono avere rapporti di parentela fino al quarto grado con nessuno dei richiedenti.

COSA SI PUÒ FARE
 
9. Quali sono i settori ammessi?
        
  • Produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura
  •     
  • Fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  •     
  • Servizi al turismo

10. Quali forme giuridiche sono consentite?
        
  • Imprese individuali
  •     
  • Società di persone
  •     
  • Società di capitali (comprese le unipersonali)
  •     
  • Società cooperative

11. Quali spese sono escluse alle agevolazioni?

Le agevolazioni non coprono le seguenti spese:
        
  • beni acquisiti con il sistema della locazione finanziaria, del leasing e del leaseback
  •     
  • beni di proprietà di uno o più soci del beneficiario e, nel caso di soci persone fisiche, anche dei relativi coniugi ovvero di parenti o affini dei soci stessi entro il terzo grado
  •     
  • investimenti di mera sostituzione di impianti, macchinari e attrezzature
  •     
  • il cosiddetto “contratto chiavi in mano”
  •     
  • commesse interne
  •     
  • macchinari, impianti e attrezzature usati
  •     
  • spese notarili, imposte, tasse
  •     
  • acquisto di automezzi, tranne quelli strettamente necessari al ciclo di produzione o destinati al trasporto in conservazione condizionata dei prodotti
  •     
  • acquisto di beni di importo unitario inferiore a 500 euro, ad eccezione delle spese afferenti al capitale circolante (per dettagli vedi FAQ successiva)
  •     
  • progettazione, consulenze ed erogazione delle retribuzioni ai dipendenti delle imprese individuali e delle società, nonché agli organi di gestione e di controllo delle società stesse
  •     
  • scorte, tasse e imposte (l’IVA realmente e definitivamente sostenuta dal soggetto beneficiario è una spesa ammissibile solo se non è da egli stesso recuperabile)



La nostra missione è contribuire alla diffusione della cultura manageriale, e fornire soluzioni ai problemi delle aziende
favorendo la crescita e lo sviluppo del loro business…
Solutions for Business
Torna ai contenuti